Vai ai contenuti

Menu principale:

stories (IT)


Il regalo del bosco
Parco Naturale delle Dolomiti d'Ampezzo
Pubblicato a Novembre 2016 in Genius loci

Parto da casa con poche idee, poca energia, tanti pensieri in testa non  necessariamente positivi, ma con la voglia di calpestare la prima neve.  Attraverso in auto le “mie” Dolomiti lanciato verso le perle custodite  nel Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo. Bassa stagione, alberghi  chiusi, poche auto per la strada, i cannoni da neve già in azione; in  cima al passo un cielo color panna, una luce glaciale, la prima neve, il  freddo; intorno un mare di roccia dolomitica. Poche cose nello zaino,  solo tre ore a disposizione, mi avvio poco convinto per il sentiero. Il  tempo di entrare nella foresta di pino cembro e subito un picchiettio.  Lo vedo, una femmina del raro (150-200 coppie in Italia) ed elusivo  picchio tridattilo; specie alpina, amante dei boschi maturi e ben  strutturati d’alta quota…di quelle che piacciono a me. Lo avevo  osservato solo in un’altra occasione in Mongolia, 9 anni fa, e gli avevo  dato un tacito appuntamento nelle Dolomiti; a quanto pare quel giorno è  arrivato. So che i picchi non sono mai confidenti e così mi limito ad  osservarlo, nell’attesa che sparisca chissà dove. Un piccolo colpo d’ali  ed eccolo raggiungere la parte bassa di un tronco, a 3 metri da me,  totalmente incurante della mia presenza. Ogni tanto la natura fa questi  regali. Le successive tre ore passano in un baleno, i pensieri  spariscono; gli alberi che sceglie sono sempre bellissimi, dalle forme  contorte, coperti da licheni, piegati dal freddo. Per lui non esisto e  così ho l’occasione di ritrarlo in tutti i modi.  La foto più particolare è questa, in cui grazie ai raffinati grafismi  del suo piumaggio, il tridattilo si fonde nel suo mondo fatto di ruvida  corteccia e verdi licheni.



Copyright © 2010-2017 Bruno Boz
Torna ai contenuti | Torna al menu